Silvia

Mia cara Madre,
a parole è difficile spiegare ciò che la mia anima prova, ma Tu sai leggere il mio cuore.
Quello che mi è accaduto sicuramente è stato voluto e da Te anche sperato. Quanto è vero che i progetti
dell’uomo non sono quelli di Dio.
Oggi non sarei dovuta essere qui, ma quanto è vero che il Signore ascolta le nostre preghiere.
Mia cara Madre sono sicura che per tuo intercedere sono qui e Lui ha esaudito il Tuo e mio desiderio.
Ancora una volta devo ringraziare la Sua immensa generosità nello starmi vicino.
Ringraziare non basta, bisogna che io porti agli altri la mia gioia per testimoniare il suo grande AMORE.
Ognuno deve accorgersi di quanto il Signore ci è vicino. Facile è parlare, chi soffre non riesce più a sperare.
Tutta la nostra vita è un’altalena di bello e brutto, ma noi ricordiamo solo il brutto. Dovremmo invece
ricordare le gioie e il dono stupendo della nostra stessa vita, assaporando così giorno dopo giorno le
emozioni e le grazie che riceviamo.
Madre mia, è stata un’esperienza fortissima e bellissima e lo devo dire a tutti che questa è la città
dell’Amore.
Qui c’è un concentrato di angeli che con le loro attenzioni, la loro pazienza, la loro disponibilità,la loro gioia
la loro grande FEDE insegnano come si deve concretamente amare il nostro fratello sofferente chiunque
esso sia. E’ così che passa l’amore di Dio all’umanità che soffre, perché è vero che Cristo è vivo in mezzo a
noi nel Sacramento e ci parla attraverso la parola del Vangelo e le sue mani siamo noi, che non realizzando
ciò che insegna ,rendiamo tutto vano.
Ringrazio ancora una volta tutti, ma dico tutti i volontari che nel nome del Signore ci hanno accompagnati
per tutto il nostro percorso di preghiere dal treno fino alla Tua Santa grotta Madre Maria.
SILVIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.