Suor Clotilde

Dolcissima suor Clotilde,
lavorare nella vigna del Signore implica fatica, ma ogni fatica è ristorata dalla sua presenza. Nel suo 25°
anno di sequela, noi ammalati vogliamo dirle grazie per tutti questi anni, in cui si è completamente donata
a noi. Il suo profondo amore ha placato la tristezza dei nostri cuori, affranti dalla sofferenza e dalla malattia.
Lei ha saputo rendere meno dolorosa la nostra permanenza in ospedale, attraverso il suo sorriso e i suoi
gesti pieni d’amore che, quotidianamente, ci ha rivolto, perché ognuno di noi ha saputo scorgere il volto
sofferente di Gesù. La sua presenza è stata davvero fondamentale, perché lei è riuscita a trasmetterci la
gioia del servizio al prossimo, quella gioia che il Signore ha voluto donarle e che riluce dallo splendore dei
suoi occhi. Con immenso affetto.
Gli ammalati del Pascale
Carissima suor Clotilde, nel rivolgerti i più sinceri affettuosi auguri per questa speciale occasione, ci
associamo agli ammalati anche noi tutti che abbiamo avuto la gioia di poterti conoscere e sperimentare
come il Signore guidi ogni tuo gesto d’amore verso il prossimo ed in particolare verso gli ammalati.
Il Consiglio di Presidenza dell’Associazione AMAMI,
il cappellano, le suore, le dame e i barellieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.