Un Ammalato del 4° Piano

Sintesi di un’esperienza.

Venire a Lourdes per me , era un impegno preso con mia madre in punto di morte.
Morì con il desiderio di andare a Lourdes e con la visione ed invocazione della Madonna. Voleva arrivare al
giorno 8 dicembre, ma morì 2 giorni prima.
Ho sempre rimandato nel corso degli anni per vari motivi, ma avvertivo spesso quel richiamo.
Poi 2 anni fa, nel 2014 , il morbo del secolo è venuto a farmi visita.
Sin dal primo giorno mi sono affidato alla Nostra Madre Celeste, rimettendomi alla Sua volontà, chiedendo
solo di affrontare il travaglio con serenità e tranquillità. E così è stato.
Il mio desiderio di venire a Lourdes per ringraziare la Vergine Maria è diventata irrefrenabile.
Non riuscivo però ad organizzarmi, sino a quando una mia amica di famiglia, mi ha miracolosamente
organizzato il pellegrinaggio, visto che io volevo fare il pellegrinaggio e no il viaggio.
E’ stata un’esperienza unica e difficile da raccontare.
Incontrare finalmente la Madonna, affidare a lei le mie sofferenze, ringraziarla perché è stata vicino a me
nei momenti difficili, affidare a Lei le preghiere per gli altri, vedere le espressioni di fede di migliaia di
sofferenti che si travasano in tutte le funzioni.
Avere la certezza che la Vergine Maria ti guarda e ti ascolta.
Confessare le mie debolezze.
Veder vacillare le mie certezze.
Al termine di questo mio primo percorso sento l’esigenza di ritornare e rinnovare il mio atto di fede.
Sento infine il dovere e il bisogno di ringraziare le suore e tutte le volontarie e volontari dell’AMAMI che in
questi giorni si sono con abnegazione prodigati, mettendosi al nostro servizio e rendere confortevole il
nostro soggiorno e prepararci materialmente e spiritualmente a tutte le funzioni programmate.
Grazie.
Grazie mille volte grazie.

UN AMMALATO DEL 4° PIANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *